Musica in Carcere Pesaro - Orchestra G. Rossini

MUSICA IN CARCERE

Progetto in collaborazione con la Casa Circondariale di Pesaro


Il progetto Musica in Carcere è curato dall’Orchestra Sinfonica G. Rossini attraverso la sua Scuola di Musica Sonàrt, ed è sostenuto dall’Assessorato alla Bellezza e dall’Assessorato alla Solidarietà del Comune di Pesaro in collaborazione con la locale Casa Circondariale di Pesaro.

Il carcere rappresenta un po’ la cartina di tornasole delle tante criticità del vivere quotidiano con il suo bagaglio di disagi umani. La scelta di proporre un progetto per tenere corsi di musica d’insieme all’interno della Casa Circondariale è vissuta come significativa ed importante. I musicisti coinvolti sentono la responsabilità del lavorare a questo progetto e sono consapevoli del grande impatto emotivo che avrà questa esperienza nel loro vissuto personale.

I promotori dell’iniziativa auspicano di far nascere nuove motivazioni in coloro che decidono di partecipare e una spinta a tornare migliori nel mondo con un’idea diversa della vita durante il reinserimento sociale.

L’idea di base del percorso musicale è di formare una band che accompagni i cantanti e la formazione di un piccolo coro. In sintesi, si tratta di fare musica d’insieme. Il progetto prevede incontri settimanali che portino da un lato alla preparazione della band e dall’altro delle voci che faranno parte del coro o dei solisti che saranno accompagnati dalla band. Naturalmente sarà necessario un percorso, da fare con gli insegnanti, di avvicinamento al vero e proprio corso per amalgamare i diversi livelli di preparazione dei partecipanti.

Al termine di ogni ciclo di lezioni è previsto anche un saggio finale, come in ogni scuola di musica, da tenersi all’interno della Casa Circondariale al quale possano partecipare anche gli altri detenuti. Il repertorio viene deciso di comune accordo e spazia dal pop al rock, al reggae, alla musica etnica in considerazione del luogo di provenienza dei partecipanti.