Elisabetta Matacena

Elisabetta Matacena

viola

Elisabetta Matacena


Si è diplomata brillantemente in violino e in viola presso il Conservatorio di Musica “G. Rossini” di Pesaro e “L. D’Annunzio” di Pescara, conseguendo contemporaneamente il Diploma Artistico in Architettura ed Arredamento.

Successivamente ha seguito corsi di perfezionamento di violino e musica da camera con i Maestri: D. Bogdanovich, V. Gradow, B. Antonioni, E. Porta e il duo F. Gulli – E.Cavallo, ottenendo borse di studio e partecipando come solista ai concerti con l’orchestra.

Dopo il periodo di formazione ha ottenuto riconoscimenti e idoneità in diversi concorsi e audizioni nazionali per orchestra.

Ha suonato da solista e collabora come spalla e I viola con diverse Orchestre nelle produzioni sinfoniche/liriche tra cui: l’Orchestra Sinfonica di Pesaro, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, I Cameristi del Montefeltro, Ars Academy di Roma, Orchestra da Camera di Bologna, Orchestra “In Canto” di Spoleto, Orchestra da camera di Pesaro sotto la guida di Maestri di rilievo internazionale tra cui G. Kuhn, D. Oren, P. Maag, A .Zedda, D. Agiman, D. Gatti, D. Renzetti, C. Mandeal, W. Nelson, partecipando a tournée in diversi paesi: Italia, Francia, Svizzera, Cina, Giappone, Corea del Sud, Arabia Saudita, Turchia.

Ha preso parte ad importanti riprese televisive e radiofoniche con: Rai1, Canale 5, Radio Rai, Rai Sat, Rai International e numerose incisioni discografiche e video per prestigiose case: Dynamic, Fonè, Bongiovanni, Naxos.

Vincitrice di premi in diversi concorsi nazionali ed internazionali nelle categorie per violino solista e per musica da camera.

Svolge un’intensa attività concertistica in duo con il pianoforte e con vari gruppi cameristici, alternandosi con il violino e la viola: I Solisti dell’Orchestra da camera di Bologna, Ensemble Opera Petite, Lennon Ensemble, Quartetto Filarmonico Marchigiano, Quintetto Postacchini.

Già vincitrice del concorso pubblico quale docente di violino presso l’istituto musicale pareggiato “P. Mascagni” di Livorno, dal 1990 è titolare di cattedra presso il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro.

Suona un violino milanese di Leandro Bisiach del 1936 e una viola veneziana di Carlo De March del 1962.